L’olio nella cosmesi, senza trucco e senza inganno

L’olio nella cosmesi, senza trucco e senza inganno

L’olio extravergine di oliva, oltre che in cucina, è un ingrediente prezioso anche nella cosmesi. Anche in questo ambito la preferenza accordata all’extravergine dipende in gran parte dalle proprietà della sua frazione insaponificabile, cioè quella percentuale molto esigua di prodotto composta da vitamine e sostanze antiossidanti, in grado di ritardare l’invecchiamento delle cellule e apportare loro numerosi benefici.
I grassi saponificabili sono indispensabili, come lascia intendere la parola stessa, per la produzione di saponi naturali: da sempre se ne conoscono e utilizzano moltissimi, sia di origine vegetale che animale. Inizialmente la scelta era dettata soprattutto dalla reperibilità e dal costo; con l’avvento della produzione di massa, poi, gli stabilimenti iniziarono a creare le proprie ricette (un notissimo marchio di prodotti per l’igiene personale deriva proprio dal sapone a base di olio di palma e olio di oliva per cui l’azienda divenne famosa).
Oggi le saponette a base di oli vegetali sono nuovamente molto ricercate e sul mercato se ne trovano di ogni tipo e per tutte le esigenze, e anche la produzione artigianale come hobby conta molti entusiasti.
Nell’ormai vastissima scelta, che comprende prodotti a base di olio di argan, jojoba, karitè e molti altri irreperibili e pressoché sconosciuti fino a pochi anni fa, le formulazioni a base di olio extravergine di oliva sono sempre particolarmente apprezzate per il loro potere idratante, emolliente e lenitivo e per l’assenza di effetti collaterali.
L’alta qualità degli acidi grassi (in gran parte acido oleico) e la presenza di sostanze attive antiossidanti e antinfiammatorie lo rendono un toccasana per la pelle, ma anche per capelli e unghie.
Lozioni, shampoo, balsami e altri prodotti per la cura della persona a base di olio extravergine di oliva non sono più una rarità, ma non è indispensabile avere sottomano l’intera linea cosmetica se abbiamo bisogno solo di un ritocco veloce e in cucina abbiamo una bottiglia di extravergine. È possibile utilizzarlo per idratare la pelle, ad esempio delle gambe, al posto delle apposite creme. Queste ultime contengono spesso paraffina o altri oli minerali, responsabili dell’effetto liscio e setoso successivo all’applicazione: la ragione è che tali sostanze creano un film sulla cute, che non è in grado di assorbirle. Il risultato è quindi meramente estetico, non essendoci alcun miglioramento reale nell’elasticità e idratazione della pelle. L’olio extravergine apporta invece un beneficio effettivo, a patto di procedere con un massaggio accurato: occorre infatti procedere con piccoli quantitativi e assicurarsi che vengano via via assorbiti. Trattandosi di un prodotto naturale, infatti, bisogna evitare gli eccessi, perché a contatto col calore corporeo irrancidirebbe e potrebbe lasciare tracce sugli abiti. In base al gusto personale è possibile anche aggiungere alcune gocce di olio essenziale per creare il proprio olio da massaggio personalizzato, avendo cura di scegliere solo prodotti naturali, garantiti per il contatto con la cute ed eventualmente testandoli su una piccola porzione di pelle per scongiurare reazioni allergiche. Si può usare senza timore l’olio extravergine anche sulla pelle del viso, ad esempio come struccante: i cosmetici waterproof, che non reagiscono al contatto con l’acqua, possono essere rimossi con olio ed una salvietta ruvida, come un asciugamani, frizionando delicatamente. La naturale produzione di sebo può essere regolata con applicazioni costanti di olio extravergine: non solo in caso di cute secca, ma anche mista o grassa, dal momento che spesso una sovrapproduzione di sebo è dovuta all’uso, in passato, di prodotti aggressivi che lo hanno rimosso troppo a fondo: in questo caso integrare la naturale barriera protettiva della pelle con lipidi di origine vegetale può essere una soluzione. Anche lo sguardo può essere reso più affascinante con la semplice applicazione di olio extravergine, sia che lo si utilizzi per distendere il contorno occhi, sia che lo si stenda sulle ciglia, per irrobustirle.
Per ottenere un effetto scrub possiamo semplicemente mescolare dell’olio con zucchero, sale o fondi di caffè: riserviamo il trattamento a base di sale alle zone più ruvide ed ispessite, perché troppo abrasivo per le pelli delicate.
Per ridare elasticità ai capelli secchi è sufficiente un impacco di olio prima di procedere al lavaggio come di consueto; in caso di capelli molto aridi, una moderata quantità di olio può essere distribuita sulle sole punte dopo l’asciugatura, senza risciacquare.
Come pelle e capelli, anche le unghie hanno bisogno di cure per mantenere la loro elasticità: è sufficiente passarci sopra dell’olio extravergine con un pennellino ed ungere per bene anche le cuticole, per ammorbidirle.

Utilizzando un prodotto di cui abbiamo già una piccola scorta in cucina possiamo rendere la nostra routine più naturale e creativa; naturalmente i risultati saranno diversi da persona a persona e alcuni accorgimenti sono difficili da mettere in pratica nella vita frenetica di tutti i giorni: per questo, inevitabilmente, ricorreremo a prodotti specifici per la cosmesi. Sappiamo, però, che l’aggiunta di olio extravergine di oliva alla formulazione è dovuta alle sue proprietà e che abbiamo sempre un’alternativa a portata di mano, se capita di restare senza struccante o crema idratante…

Leave a Reply

Your email address will not be published.